SYLVIE SELIG

12 giugno – 30 luglio
SYLVIE SELIG Senseless
Le opere di Sylvie Selig sono una narrazione che si snoda tra inquietudini e surrealtà. Illustratrice francese di fama internazionale, con esperienze anche come assistente di Helmut Newton, Selig sperimenta da anni grandi formati, come ad esempio River of no return, un progetto di 140×2,2 metri. Senseless è una mostra formata da pannelli di tessuto, dove testo e immagini si compensano, infrangendo le dinamiche tradizionali del racconto. L’arte di Selig è in tutto un’arte di rottura, mescola assieme gli avvenimenti, lo spazio e il tempo, i generi letterari e sessuali, affrontando tematiche a lei care come quelle del viaggio e dell’ibrido. L’illustratrice ha creato una favola proveniente dal suo subconscio e l’ha tramutata in figure, dove le parole assumono funzione poetica più che didascalica. Cosi abituati ad un mondo lineare e definito dal senso, l’immersione nel senseless è un’esperienza artistica perturbante, che smuove qualcosa nella parte più profonda e sconosciuta dello spettatore.

Chiara Mascardi