MODULA

MODULA / Charly a BLU Gallery x Bologna Design week
/26 settembre – 13 ottobre
Inaugurazione: 26 settembre, 19.30
Orari di apertura: mar – sab, 16.00-19.00
Espongono: Davide Saba / Gianfranco Mazza
[Laboratorio di falegnameria – Checkpoint Charly]
Progetto del verde: Riccardo Mercuri
Curatela e testo critico: Chiara Ioli
MODULA racconta innanzitutto un’attitudine, un abitare e un immaginare lo spazio peculiari del Checkpoint Charly, laboratorio artistico condiviso in Bolognina ed ex-magazzino rigenerato e reso funzionale e fruibile con un lavoro collettivo di auto-costruzione.
MODULA racconta anche una necessità, quella di poter personalizzare ogni elemento fisico dello spazio e adeguarlo a precise modalità espressive. Un’esigenza pratica ma, nel contempo, modellata da uno sguardo che vive e si nutre delle visioni e dell’immaginario degli artisti che attraversano il Checkpoint Charly.
Questo bisogno si è sviluppato negli anni, rendendosi sempre più esteticamente valido, diventando metodo di pensiero – oltre che di fare – corale, ragionato assieme.
La stessa volontà estetica, intesa come urgenza di connotare lo spazio secondo i propri desideri, e pratica, cioè di renderlo più fruibile e funzionale, si è integrata nell’esperienza, partecipata e aperta al pubblico, di rigenerazione del cortile antistante il laboratorio per trasformarlo, da semplice luogo di passaggio, in un “giardino tascabile” nel cuore della Bolognina. Una piccola “piazza” i cui arredi, realizzati con materiali di recupero, sono stati ideati e creati dagli artigiani del Charly, in collaborazione con i partecipanti al laboratorio di falegnameria “Fatto a Mano”, nel giugno 2018.
Il risultato è un incontro felice fra arredo e vegetazione, in grado di incentivare la flora spontanea e di creare lo scenario perfetto per una socialità urbana tutta da coltivare, e frutto, prima che di sole competenze tecniche, di un dialogo che intreccia necessità reali, artigianato ed espressione artistica, sempre rinnovabile e ibridabile.
Checkpoint Charly presenta, per la Design Night, i primi esiti di questo dialogo: gli sgabelli e i tavoli modulari nati dall’esperienza laboratoriale, una serie di vasi in legno e alcune opere visive degli artisti Davide Saba e Gianfranco Mazza.
In MODULA, da un lato, l’oggetto “vaso” si evolve in uno strumento di misurazione per dare la possibilità a ciascuno di creare la propria “terra franca”, il giusto terreno per una crescita vegetale ottimale. Un processo di autocostruzione che parte da terra.
Dall’altro lato, le opere in mostra contribuiscono, assieme agli arredi, a creare uno spazio sempre modificabile, dove i cambiamenti di assetto si rispecchiano nelle opere di illusione ottica di Gianfranco Mazza. Le tavole di Davide Saba mostrano, invece, delle figure seriali, delicate e aeree, in costante mutamento: un fraseggio leggero che si alza dal verde dei vasi e accompagna all’interno di uno spazio che è casa e giardino assieme.
Modulare è il nostro modo di abitare gli spazi del Checkpoint Charly, ex-magazzino rigenerato attraverso un lavoro collettivo di auto-costruzione.
Modulare è il nostro approccio al lavoro artistico, fatto di competenze e passioni che si intrecciano, si stimolano e si ibridano.
Modulare è la soluzione immaginaria alle nostre necessità.
[Progetto grafico di Federico Manzone]